POVERTÀ, DISAGIO GIOVANILE, ANZIANI E DISABILI:

POVERTÀ, DISAGIO GIOVANILE, ANZIANI E DISABILI: BANDO DA DUE MILIONI PER PROGETTI DI WELFARE COMUNITARIO

La Fondazione Cr individua risorse di ‘emergenza’ per le fasce deboli. Bianconi: «Impegno per risposte immediate a fenomeni nel nostro territorio»

Dalla lotta alla povertà e al disagio giovanile alle cure per gli anziani e i disabili. la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia rafforza il proprio impegno nella tutela delle categorie deboli con l’apertura del bando straordinario “Iniziative per un Welfare di comunità. Idee e progetti”. Visto il perdurare della crisi economica e l’acuirsi delle varie forme di fragilità e disagio sociale, si mira così a selezionare prima 12 e poi da 6 a 8 progetti innovativi di welfare comunitario, finanziati con due milioni di euro, su temi particolarmente critici che stanno investendo il tessuto sociale regionale in maniera più marcata rispetto al resto del paese.
Bando straordinario Nel Consiglio di amministrazione di fine marzo, gli organi della Fondazione hanno infatti deliberato all’unanimità lo stanziamento di risorse aggiuntive da destinare al Volontariato, Filantropia e beneficenza, che nel 2018 diventa così il settore a cui la Fondazione destinerà la maggior quantità di contributi con un plafond che supera i 4 milioni di euro, circa il 30 per cento del totale erogato. Il bando, che è stato pubblicato oggi, 4 aprile, e rimarrà aperto fino all’11 maggio, è stato presentato a Palazzo Graziani nel corso di un incontro al quale sono intervenuti il presidente Giampiero Bianconi, il segretario generale Fabrizio Stazi e l’esperto Giorgio Sordelli, che ne ha spiegato i contenuti e le procedure per la presentazione delle domande.
Welfare innovativo Attraverso questa misura la Fondazione si propone di sperimentare forme di intervento innovative che permettano di realizzare sistemi di governo comunitario e di erogazione dei servizi in grado di integrare in modo virtuoso, in una logica di sussidiarietà, le risorse pubbliche e private disponibili.
Azioni di sistema «Siamo consapevoli del fatto che le risorse pubbliche, sempre più esigue, non sono sufficienti per contrastare un disagio sociale che purtroppo si fa sempre più marcato – ha detto il presidente Giampiero Bianconi nel corso della presentazione – e pertanto ci stiamo impegnando con maggiore energia per offrire il nostro contributo a sostegno di iniziative che diano risposte concrete a tali vulnerabilità attraverso modalità di intervento innovative ed efficaci. Per questo abbiamo pensato di destinare le risorse non direttamente ai singoli soggetti disagiati o alle loro famiglie, ma alla creazione di azioni di sistema che, attraverso il coinvolgimento di enti del Terzo settore, siano in grado di costruire una rete capillare del welfare nel territorio in grado di intercettare bisogni complessi e non sempre facilmente individuabili».
Obiettivi I due milioni sono destinati al sostegno di idee progettuali finalizzate al contrasto delle fragilità sociali, al sostegno degli adolescenti e dei giovani in situazioni di disagio, alla tutela dell’infanzia, alla cura e all’assistenza della popolazione anziana, al sostegno delle persone con disabilità, ad iniziative per l’inclusione socio-lavorativa e per l’integrazione degli immigrati.
Destinatari e risorse I destinatari sono le organizzazioni senza scopo di lucro, che possono presentare le proprie idee progettuali all’interno di una partnership composta da almeno 4 soggetti. La quota richiesta alla Fondazione dovrà essere compresa tra i 200 e i 400 mila euro, a cui andrà aggiunto un cofinanziamento minimo del 20% dell’importo di progetto.
Selezione Tenuto conto della delicatezza dei temi affrontati e della complessità delle azioni da mettere in atto per coinvolgere soggetti diversi in modo sinergico, la Fondazione ha strutturato il bando in due fasi. La prima fase prevede che i partenariati sviluppino le idee progettuali, che saranno accolte e valutate da una apposita Commissione. Dopo questa prima selezione, i partenariati prescelti dovranno sviluppare, attraverso uno specifico percorso guidato dalla Fondazione stessa, le progettazioni esecutive.
Le domande – I progetti dovranno essere presentati esclusivamente attraverso il portale ROL (Richieste e Rendicontazione On Line), previo accreditamento tramite l’apposito collegamento presente sul sito internet www.fondazionecrpg.com, nella sezione “bandi e contributi” – “richieste di contributo”. Anche il Bando è scaricabile dal sito nella stessa sezione.

Umbria24.it